Eventi
MOTORADUNO STELVIO INTERNATIONAL: METZELER C’ERA!

30 giugno 2014

MOTORADUNO STELVIO INTERNATIONAL: METZELER C’ERA!

Il Motoraduno Stelvio International (www.motoraduno-stelviointernational.com.), edizione numero 38. Un’ottima scusa per farsi un giro su strade considerate tra le più belle d’Europa. Gli scrosci di pioggia del weekend non hanno certo fermato chi impugna un manubrio per passione, anzi (ma questo lo possono capire solo i motociclisti veri), i viaggi che si ricordano sono quelli con quel pizzico di disagio che sa tanto di avventura. Metzeler è stato lo sponsor principale di questo evento che ha offerto anche l’occasione, per i Metzeler-men e per una pattuglia di giornalisti, per provare in ogni condizione le nuove Sportec M7 RR.

Triumph ha concesso in uso le moto, dalla Daytona 675 e 675 R alle Speed e Street Triple, sia in versione standard sia nell’allestimento “R”. Dopo la “sparata” (nei limiti, chiaramente!) sulla superstrada che porta in cima al Lago di Como, e dopo aver superato la statale che attraversa tutta la Valtellina, ecco le prime curve. Sappiamo che il giudizio su queste pagine è considerato di parte, ma gli Sportec M7 RR ci hanno sinceramente stupito per la maneggevolezza e per il grip su asfalto sia asciutto sia bagnato. La Triumph Daytona 675 scarica a terra 128 CV a 12.500 giri e riuscire a domarli con facilità sugli stretti tornanti del Gavia è a nostro parere un buon risultato!

I “radunisti” più incalliti sanno bene che il viaggio, in particolare quello d’andata, è uno dei momenti più belli del raduno! In più, per arrivare al Passo dello Stelvio o a Sondalo, quartier generale del raduno, è possibile scegliere una gran quantità di itinerari, tutti piacevolissimi. I paesaggi mozzafiato le curve da pennellare non mancano nei dintorni di Sondalo!

Giovedì il Raduno ha aperto ufficialmente i battenti in cima al Passo dello Stelvio, come da tradizione delle prime edizioni: nella mattinata di giovedì è partito anche il primo dei numerosi tour organizzati, un ottimo sistema per scoprire ulteriori affascinanti percorsi, oltre ai “classici” passi, come il Gavia o l’Aprica.

Ma naturalmente il cuore del raduno è nella “Buca”, come viene chiamato, in stile Elefantentreffen, l’avvallamento dove i radunisti piazzano le loro tende e… gli aggeggi infernali costrutti per sputare fiamme, da improbabili impianti di scarico che fuoriescono da motori motociclistici, montati su carrellino e “sacrificati” in nome dei decibel e dello spettacolo, quasi pirotecnico, che creano. Chi bazzica i raduni la SBK o MotoGP sa di cosa stiamo parlando…

Bisogna dire che con il passare del tempo i costruttori di questi marchingegni si aggiornano, quelli presenti allo Stelvio erano infatti… adornati con luci LED e fari di vario colore…

Tornando agli spettacoli “veri”, e alle occasioni di incontro più coinvolgenti, dobbiamo fare i complimenti all’organizzazione, che ha allestito show di stunt-man famosi come Didi Bizzarro e l’incredibile crew degli Show Action Group, riempiendo le giornate del raduno con concerti di cover-band di alto livello e accogliendo i primi radunisti con un buffet gratuito. Non dimentichiamo che il raduno è stata un’ottima occasione per degustare le bontà enogastronomiche locali, come gli immancabili e buonissimi Pizzoccheri…

Gli stand di Honda, Yamaha, KTM, Triumph, Suzuki che hanno presenziato in forma ufficiale, sono stati molto visitati vista la possibilità di provare i modelli più recenti.

Ma un “grazie” particolare va ai numerosi, affezionati, motociclisti che sulle loro moto montano pneumatici Metzeler e che sono venuti a trovarci presso il nostro stand: l’affezione verso il nostro marchio è un grande riconoscimento del costante impegno nello sviluppo di pneumatici sempre migliori. Nell’area Metzeler, posizionata nel cuore del raduno, i tecnici e i collaudatori dell’Elefantino hanno fornito consigli tecnici sul corretto uso degli pneumatici e sulla scelta del modello migliore per la propria moto, o semplicemente hanno… chiacchierato di argomenti rigorosamente legati alle dueruote con i motociclisti che si sono dimostrati dei veri esperti sull’argomento: chi va in moto conosce l’importanza di quei pochi centimetri di gomma a contatto con l’asfalto… Lasciamo ora spazio alle immagini, un ricordo che sarà gradito a chi era con noi al Raduno dello Stelvio!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *